Il tennista spagnolo Carlos Alcaraz ha battuto lunedì l’italiano Matteo Arnaldi 6-3, 6 in tre set e ha raggiunto i quarti di finale degli US Open, il quarto e ultimo Grande Slam della stagione. Ho ottenuto il diritto di aderire senza grossi problemi. 3, 6-4 in sole 2 ore di gioco.

Il Murcian continua la sua difesa del titolo con tre piazzamenti consecutivi nella Top 8 nella “grande” competizione di New York e il suo primo test importante con l’italiano Yannick Sinner in uno scintillante vincitore. E il tedesco Alexander Zverev.

Dopo aver perso il primo set del torneo nel turno precedente contro il britannico Dan Evans, il numero uno del mondo non ha mai perso nel torneo e, a parte un momento particolare nel terzo turno, ha sempre giocato quello successivo. Arnaldi ha fatto il suo debutto in queste partite del ‘Grande Slam’ ed è stato incoraggiato da una straordinaria vittoria su Cameron Norry, ma non è riuscito a trovare la chiave per ferire lo spagnolo.

Sotto il “coperto” Arthur Ashe, Alcaraz è stato molto solido, soprattutto al servizio, crescendo poco a poco, lasciando sprazzi delle sue grandi qualità e della sua impressionante flessibilità per rivelare ancora una volta il tessuto dell’italiano. Alla fine ha preso il sopravvento sul tabellone.

I campioni in carica hanno avuto una brutta partenza e molti errori non forzati, ma dopo un paio di battute Alcaraz non ha perso la prima occasione per seguire gli altri nonostante la resistenza del tennis, portandosi sullo 0-40. Mi sono rotto per la prima volta. Il sanremese era molto più imprevedibile quando cercava di essere aggressivo.

Il giocatore di El Palmar non ha perso il suo vantaggio e si è affermato ulteriormente in campo, non solo vincendo il set ma anche avviando il break nel secondo set dopo un clamoroso “passaggio”. Arnaldi non si è lasciato prendere la mano e ha aspettato di colmare il divario sui suoi avversari, che sono riusciti a vincere solo 40-40, 4-3, ma la sua abilità e talento a rete hanno cambiato le cose.

Una nuova “pausa” ha permesso alla testa di serie n. 1 di concludere il secondo turno e iniziare prima il terzo. Tuttavia, l’italiano era determinato a perseverare e alla fine ha trovato la sua ricompensa in una grande partita contro altri giocatori, ottenendo finalmente l’agognata pausa e affermando per la prima volta il suo dominio nel campo dell’elettronica.

Ma è stato un miraggio perché Alcaraz si è riorganizzato rapidamente per limitare la gioia del suo avversario e ripristinare l’equilibrio con un breve contropiede. Murthios si è ripreso al servizio e ha sfruttato la sua migliore esperienza sul 5-4 per cogliere un altro break decisivo e assicurarsi un posto nei quarti di finale. Questo round sembra già molto difficile per arrivare ad un altro gran finale.

Lascia un commento