Dipinto murale “Grande finestra di conoscenza in una scuola normale rurale”

Harrier Arnulfo Morales e Filiberto davanti a un murale del 1977 dell’artista José Hernández Delgadillo presso la Scuola Normale Rurale del Generale Matias Ramos Santos de San Marcos a Loreto, Zacatecas.・Il signor Fraust e il giornalista Luis Hernandez (al centro). L’opera di 8 x 6 metri porta con sé una leggenda “sulla rivoluzione proletaria”. Questo è uno dei 170 murales registrati dai muralisti di varie scuole normali locali e uno dei 170 eseguiti in Messico, Stati Uniti, Canada e Costa Rica. Foto di Mariela Quesada Robles

Reyes Martinez Torrijos

Giornale La Jornada
Martedì 5 settembre 2023, pagina 5

Dott. Harrier ha detto che la figura dell’insegnante rurale in Messico è raffigurata nel libro Paintings on the Walls del giornalista e autore Luis Hernández Navarro, che mostra il contributo del diplomato della scuola normale rurale alla lotta sociale e all’istruzione. , ne dimostra la legittimità. Arnulfo Morales e l’insegnante Filiberto Frausto durante una sala piena di studenti, insegnanti, laureati e personale didattico durante la presentazione di un libro che ripercorre 90 anni di vita rurale semplice Matías Ramos Santos di San Marcos, Zacatecas guarda caso prima. .

Morales ha spiegato durante la conferenza che, se da un lato lo studio ha permesso di comprendere il lavoro delle scuole normali locali alla luce della loro storia, dall’altro ha anche portato alla luce esempi di vita papale, traiettorie fino ad allora anonime. Sottolinea che i progetti di normalità rurale hanno qualcosa in comune.

Ha detto che il libro, che abbraccia un secolo di memoria locale e diversità rappresentata attraverso otto istituzioni intensamente analizzate, apre un’ampia finestra affinché ex studenti e studiosi possano conoscere la campagna. Questa è una delle visioni meglio integrate dei lavori educativi, filosofici e politici che si sono occupati della costruzione della normalità rurale.

Nella sua presentazione, Harrier Arnulfo ha affermato che dopo la tragedia di Ayotchinapa, la questione su cosa sia la normalità rurale e chi siano i suoi insegnanti acquista forza, e una visione onesta, critica e non condiscendente ha affermato che era necessaria. Luis Hernández ci ha dato un’opportunità molto seria per avvicinarci alla risposta a queste grandi domande.

Così, ad esempio, attraverso le vite di Vicente Estrada Vega, Lucio Cabáñas e dei 43 studenti scomparsi, possiamo comprendere la storia di Ayotzinapa, Guerrero.

Inoltre, qual è la storia di Maktumaktsa in Chiapas e cosa ha portato alla sua chiusura? Cosa c’è di normale a Tilipetio, Michoacán, con Francisco Javier Acuna e San Marcos, Zacatecas, con i murales e grandi ex alunni come César Navarro, il professore morto un anno fa?

D’altra parte, il professor Filiberto Frausto, diplomato della scuola normale rurale di San Marcos e insegnante a Huiscorco, dove Maria Rodriguez Murillo fu assassinata da Cristeros, ha affermato che anche prima del governo di Enrique Peña, gli insegnanti venivano umiliati. è stato un esercizio dato. Il mandato di sei anni di Nieto aveva lo scopo di mettere la società contro gli insegnanti, annullando la mobilitazione degli insegnanti poiché considerati pigri e dirompenti. Lo sforzo è stato ripagato perché sentivano di essere valutati nel modo in cui molti media volevano che fossero.

Sostiene che, contrariamente a questo movimento demonizzante, il libro mostra tutto il lavoro svolto dalla professione docente in 100 anni di quella che sembrava una scuola normale rurale e quanto sia prezioso per l’espansione della professione docente. ci avrebbe mostrato com’era. dell’istruzione e soprattutto di coloro che si sono diplomati in queste scuole.

In precedenza, in un discorso alla Scuola Normale San Marcos, ho appreso che gli insegnanti delle scuole normali hanno una formazione accademica, ideologica e politica unica, per cui hanno un alto impegno per l’istruzione di massa, un impegno per la lotta sociale. ha spiegato che ha un dovere nei confronti della società. Il sindacalismo, in particolare il Sindacato Nazionale dei Lavoratori dell’Istruzione, l’educazione e il sindacalismo progressista per la democratizzazione del Paese.

Luis Hernández Navarro, direttore d’opinione del giornale, ha affermato in un discorso che se oggi il Messico è un po’ più democratico, lo si deve in gran parte alla lotta e al duro lavoro degli insegnanti, soprattutto di quelli delle zone rurali.

Contrariamente a quanto è stato detto, le scuole normali rurali non sono il peso del passato, ma il seme del futuro, ha aggiunto.

Hernández Navarro ha raccontato molti esempi di uomini e donne esemplari che hanno studiato nelle scuole normali rurali durante i loro 101 anni di vita e sono diventati grandi insegnanti, guerrieri sociali e politici devoti.

L’autore ritiene che la sua ricerca abbia rivelato “il coraggio, la rabbia e il risentimento causati dalla scomparsa di 43 giovani studenti rurali della scuola normale Raul Isidro Burgos di Ayotchinapa (…) e le atrocità che seguirono una campagna di condanna contro di loro” nato dentro di me”, ricorda. Normalista. “. Questa tragedia compirà 9 anni il 26 settembre.

Le scuole normali nelle zone rurali del Messico hanno una lunga storia, ha continuato il giornalista, e nel 1922 riuscì nell’impresa educativa di fondare una scuola normale a Tacabaro, Michoacán. Questo modello è stato studiato e ammirato da eminenti pensatori in vari paesi ed è stato imitato in altri paesi. Nonostante sia stato insultato in questo paese sin dagli anni ’40.

Ha citato figure trascendenti come i laureati di San Marco, i professori, i medici e il grande storico ed esperto di politica educativa César Navarro. Si avvicinò anche all’artista José Hernandez Delgadillo, uno dei grandi muralisti messicani, e Misael Nunez Acosta, insegnante di Huasteca, Hidalgo, che studiò alla Scuola Normale di El Mexe e Tenelia.

Oltre ad aiutare i laureati a raggiungere le comunità, organizzare cooperative e insegnare questioni devastanti come i problemi igienico-sanitari e la gestione dell’alcolismo, ha anche affrontato le preoccupazioni della rivoluzione messicana, come la distribuzione della terra. Ha detto che doveva impegnarsi.

Lascia un commento