La società di rete Fingrid afferma che il prossimo inverno sarà probabilmente più mite dello scorso. Richiede però flessibilità d’uso.

La società di trasmissione finlandese Fingrid prevede che il prossimo inverno ci sarà più elettricità rispetto allo scorso inverno, quando molti finlandesi lottavano con bollette elettriche elevate.

In un comunicato stampa l’azienda ha dichiarato: “L’energia elettrica sarà buona nel prossimo inverno e il rischio di interruzioni di corrente è basso”.

Fingrid ha affermato che la situazione si è attenuata rispetto allo scorso inverno poiché la produzione nazionale di elettricità è aumentata. Inoltre, è migliorata anche la disponibilità delle importazioni dai paesi vicini.

In Finlandia sono stati completati numerosi nuovi parchi eolici onshore ed è stato messo in funzione un triplo reattore presso la centrale nucleare di Olkiluoto.

Centrale nucleare di Olkiluoto fotografata nell’agosto 2023. Il funzionamento del triplo reattore migliorerà le prospettive energetiche per il prossimo inverno. Foto: Markku Ulander / Newspaper photo

Come negli inverni precedenti, in Finlandia i blackout e i problemi peggiori sono stati evitati, in parte perché i consumatori hanno ridotto significativamente il consumo di elettricità durante i prezzi elevati.

Fingrid ha affermato che una flessibilità simile potrebbe essere necessaria il prossimo inverno se una struttura critica o una rete elettrica falliscono.

La sfida più grande sono le giornate invernali fredde e miti, quando il bisogno di energia per il riscaldamento è elevato e l’energia eolica è scarsa. Fingrid stima che nelle giornate fredde con poco vento, l’energia eolica rappresenta solo il 6% della sua capacità nominale, o della potenza massima calcolata.

Fingrid stima ora che il consumo di elettricità in tali giornate invernali potrebbe essere di 14.300 megawatt, con una produzione domestica di 12.800 megawatt. Il resto dell’energia dovrà essere importato dalla Svezia e dall’Estonia.

Il consumo di punta stimato è inferiore di 100 megawatt rispetto allo scorso anno. In questo caso Fingrid ha tenuto conto della possibilità di calcolare il consumo dei finlandesi introdotta lo scorso inverno.

Lascia un commento