La nazionale croata si è riunita per la prima volta da quando ha vinto la medaglia d’argento alla Società delle Nazioni e il prossimo test sarà contro Lettonia e Armenia nelle qualificazioni agli Europei.

In meno di tre mesi, diversi giocatori “entusiasta” hanno cambiato squadra e Zlatko Dalic è stato nominato il 6° miglior allenatore d’Europa, ma il primo tra i giocatori selezionati. Come ha rivelato in un’intervista a MaxSport, quest’estate aveva ricevuto diverse offerte, ma le ha rifiutate.

– Dopo la finale del campionato internazionale ho ricevuto offerte da tre grandi club e due nazionali del Medio Oriente, ma questo non mi interessa. Vi ho detto che sono pieno di slancio, volontà e motivazione per la nazionale croata. Il mio lavoro è il più bello possibile. Forse mi sfugge qualcosa, ma non mi dispiace. Finché sentirò quell’energia e finché ci saranno risultati, sarò lì. La Croazia ha fatto cose straordinarie negli ultimi due anni, dice Dalic.

L’allenatore croato ha ribadito la sua ingiustizia e continua a lottare per una posizione migliore per la sua nazionale e i suoi giocatori nel calcio.

– Su 29 partite abbiamo perso solo 2 partite. Abbiamo due medaglie in sei mesi e nessuno ci è riuscito. Ecco perché ero preoccupato per il trattamento riservato ai giocatori alla cerimonia di premiazione. La Croazia merita più rispetto da parte di tutti, soprattutto della FIFA e della UEFA. Non lo dico con tutto il cuore, i nostri risultati lo dimostrano. A volte ho la sensazione di dare fastidio a tutti. Siamo solo in tre a interferire con i 200 milioni di persone più importanti. Cosa farai loro, li infastidiremo e basta. La nostra ribellione e malvagità sono così forti che mettiamo sempre alla prova il nostro valore. Ecco perché mi ha dato fastidio ed è per questo che ero l’unico candidato per cui non volevo votare – Dalic ha poi menzionato i bassi valori della Croazia nel mercato del calcio.

– Lo stesso vale per la promozione. Si parlava molto del perché non si potesse andare nei grandi club. Non appartengo a nessuna agenzia, non ho un agente, non ho nessuno. Non ho e non ho bisogno di nulla. Queste istituzioni utilizzano costantemente più nomi identici. Il denaro viene condiviso lì e questo pone fine a questi trasferimenti. non ci siamo. Se il nostro giocatore avesse il passaporto inglese o spagnolo costerebbe dieci volte di più, ma fategli vedere tutto in campo

Lascia un commento