Non solo durante le vacanze, ma anche durante l’anno scolastico, gli adolescenti di tutto Israele si affacciano per la prima volta al mondo del lavoro svolgendo diverse professioni, come cameriere nei ristoranti, negozi di abbigliamento e chioschi nei centri commerciali.

Beit Miller, centro di comunicazione, digitale e innovazione della città di Haifa e del Rotary Club, offre altre opportunità lavorative per i giovani. Nell’ambito dell’iniziativa Beit Miller, gli adolescenti vengono inseriti nelle imprese commerciali locali, dalla pubblicità all’alta tecnologia, svolgendo un lavoro pratico che non solo fornisce istruzione ed esperienza, ma porta anche alla creazione di prodotti reali. Ad esempio, tutta la pubblicità giovanile di Haifa è prodotta dai giovani che partecipano al programma attraverso il dipartimento pubblicitario della città.

Cinque adolescenti di Haifa si sono uniti quest’anno all’azienda tecnologica Augury. Considerata la più grande azienda high-tech nata e operante ad Haifa, l’azienda fornisce alle aziende industriali e manifatturiere soluzioni basate sull’intelligenza artificiale che aiutano a monitorare il funzionamento delle macchine e ad avvisare di guasti prima che si verifichino. Offerto on-line.

Il sedicenne Igor Dorogoi è entrato questa settimana nella scuola media della città di Besmat. Nato e cresciuto nel distretto Halisa di Haifa, Drogoi lavora con Beit Miller da quasi un anno, unendosi a Ugori in estate e partecipando attivamente alla tecnologia di produzione utilizzata dalle aziende giganti. Masu. – Dalla PepsiCo ai giornali israeliani.

“L’opportunità di partecipare a un progetto come questo è fantastica per me. Sto imparando come appaiono e funzionano le cose nell’industria e sono esposto a tecnologie complesse.

Igor, il maggiore dei due figli di un’anziana coppia di immigrati, a scuola si specializza in computer. “Mentre lavoravo alla Ugli, nell’ambito di un progetto di gruppo, mi sono imbattuto in un linguaggio di programmazione che non avevo studiato nella mia specializzazione”, dice. “Siamo migliorati insieme, abbiamo imparato molto e ci siamo messi alla prova. L’ho fatto.”

“Il futuro dell’alta tecnologia e dell’economia israeliana dipende dalla prossima generazione”, ha affermato Amir Bahlul, direttore dell’innovazione avanzata presso Ugori. “Soprattutto in questo momento, l’azienda sta investendo il massimo impegno e risorse nella crescita delle generazioni più giovani. Ugori continuerà a contribuire alle comunità intorno a noi ad Haifa e farà tutto il possibile per promuovere l’alta tecnologia locale”.

Lascia un commento