A Osijek la tempesta non è ancora finita dopo la sconfitta contro la Dinamo (3-2) nella 7a giornata dell’HNL. I bianconeri si sono portati in vantaggio per 2-0 e hanno schiacciato i blues in una Opus Arena gremita, ma sono crollati nel secondo tempo. I campioni croati riducono a uno il vantaggio di Emreli e il gol di Bruno Petkovic su due rigori ribalta la situazione. E hanno fatto arrabbiare la gente di Osijek.

Il direttore sportivo Ivica Krešević e l’allenatore Stepan Thomas hanno risposto all’arbitro Marja Zebek dopo la partita, ma si sono infuriati soprattutto con la spiegazione del presidente della commissione arbitrale Bruno Maric, secondo cui entrambi i rigori erano stati assegnati correttamente. Una dichiarazione potente.

Particolarmente controverso è stato il secondo rigore sbagliato da Mkurchiyan. Secondo Bruno Maric, ha perso la palla e ha colpito alla gamba lo stopper della Dinamo Dino Peric. Mario Zebeck non ha visto la situazione, ma ha guardato il video dopo l’intervento della sala VAR e ha indicato il punto bianco. La decisione ha suscitato un’ondata di delusione e indignazione nella gremita Opus Arena.

La mancanza di telecamere durante le partite dell’HNL può rendere difficile determinare cosa sta succedendo, ma questa volta è emerso un video ad angolo inverso girato da uno dei fan. Sta a te decidere se si tratta di un reato punibile.

Osijek ha chiesto all’HNS un cambiamento drastico al sistema arbitrale e il suo rapporto con la Umbrella Football Organization si è ulteriormente inasprito. Ciò è dimostrato dai duri comunicati stampa del club slavo e dalle dichiarazioni dei suoi direttori sportivi e allenatori, motivo per cui il club deve affrontare gravi sanzioni finanziarie.

Lascia un commento