Il gruppo ribelle Allied Democratic Forces ha legato cinture esplosive a due gemelli di diversi mesi nell’est del Congo. Il portavoce dell’UNICEF Grant Reety ha detto: Tali azioni sono destinate a spaventare la popolazione locale a tal punto da spingerla ad abbandonare la resistenza alle ADF.

I combattenti dell’ADF hanno prima ucciso tutti i parenti del bambino. I terroristi intendevano far esplodere la cintura esplosiva se le persone si fossero precipitate ad aiutare i bambini. Gli specialisti sono riusciti a liberare le bambine, che avevano solo pochi mesi, e a portarle in un luogo sicuro. I bambini erano gravemente malnutriti, ma ora stanno bene. Attualmente si trovano in una struttura in cerca di genitori affidatari.

Le Forze Democratiche Unite sono arrivate in Congo dall’Uganda alla fine degli anni ’90 sulla base del loro rapporto con l’organizzazione terroristica Stato Islamico. Da anni le ADF instillano il terrore nel Congo orientale utilizzando tattiche particolarmente raccapriccianti.

situazione terribile

I rappresentanti dell’UNICEF hanno utilizzato questo incidente per attirare l’attenzione sulla difficile situazione dei bambini in Congo. “La violenza contro i bambini è ai minimi storici”, ha detto Riti. “Questo Paese registra il maggior numero di gravi violazioni contro i bambini nei conflitti armati. I bambini vengono violentati, uccisi, rapiti o reclutati come bambini soldato.”

Solo il Nord Kivu è particolarmente problematico, con 38.000 casi noti di abuso, un aumento del 40% rispetto a due anni fa. E Reethi sospetta che questa sia solo la punta dell’iceberg. Almeno 2,8 milioni di minori sono fuggiti con le loro famiglie nell’est del Paese.

“Stiamo lasciando indietro i bambini congolesi mentre il mondo guarda dall’altra parte”, ha detto. Per aiutare le famiglie dell’est del Paese, l’agenzia delle Nazioni Unite per i diritti dell’infanzia ha bisogno di 400 milioni di dollari, ma questa cifra è lungi dall’essere coperta. In ogni caso, solo una soluzione politica può migliorare la situazione nel lungo termine.

Lascia un commento