Venerdì 8 settembre il Consiglio dell’Unione europea ha annunciato l’imposizione di ulteriori sanzioni a sei cittadini russi per gravi violazioni dei diritti umani legate alle loro azioni contro i rappresentanti etnici della Crimea, annessa a Mosca, ha riferito la BBC.

Quelli sulla lista includono anche pubblici ministeri e giudici che hanno lavorato nei tribunali istituiti nella Crimea annessa alla Russia e che sono giornalisti di Radio Liberty (noti in Russia come “agenti stranieri”). Vladislav Eshpenko.

L’elenco comprende anche due funzionari del Servizio di sicurezza federale russo che hanno partecipato alla tortura del giornalista o sono stati coinvolti nelle indagini sul suo caso.

dopo la navigazione

Lascia un commento