Dopo il successo dello scorso anno, il Linus Comic Strip Festival torna ad Ascoli Piceno dal 22 al 24 settembre con il nome Pollution. Ideata e curata da Elisabetta Sgarbi, la rassegna propone una tre giorni ricca di letture, mostre, concerti, incontri con le scuole e tanti attesissimi guest talk. Come La Milanesiana, giunta alla sua 24esima edizione, il festival esplorerà numerosi spazi per un vero dialogo a 360 gradi sull’evoluzione e lo sviluppo di questo genere letterario, partendo dal fumetto come denominatore comune e passando per il cinema fino alla musica. Lo scopo è quello di coniugare l’art. Nello spirito che anima anche La Milanesiana e ispira il mio lavoro in generale, i fumetti incontrano il cinema, la letteratura, la musica, la televisione e la storia. Il manga diventerà una lente attraverso la quale incontreremo altri ambiti e rileggeremo eventi storici e personaggi letterari”, afferma Elisabetta Sgarbi.

Tra gli ospiti questa volta ci sono il due volte premio Strega Sandro Veronesi, che conduce tre serate di conversazioni chiave alternate tra Cio, Altan e Zero Calcare, Icone Barbara Boucher, Eileen Grundy, concerti di Guarazzi e tanti ospiti. altri interventi.

Come lo scorso anno, una parte della giornata sarà dedicata alle attività scolastiche, poiché l’animazione è uno strumento di comunicazione che aiuta a sviluppare il pensiero critico, la creatività e la comunicazione interculturale. Nel centro storico di Ascoli Piceno, il Palazzo Capitani del Popolo ospita due mostre: “1973 – 2023. 50 anni del golpe cileno alla tavola di Alfredo Chiappoli” e “Serbanenco di Fior”.

Altre prime de “La Milanesiana” alla Venaria Reale di Torino, ad Ascoli Piceno in occasione della finale del festival del fumetto, al Mart e Viareggio a Rovereto e dall’8 all’8 settembre al Castello Estense di Ferrara. Il 26 dicembre torna la mostra più ampia “Linus – Tutti i numeri dal 1965 al 2023”, curata da Marcello Garofalo ed Elisabetta Sgarbi in collaborazione con Igorto.

Lascia un commento