Il ministro degli Esteri turco Hakan Fidan ha dichiarato martedì che le relazioni bilaterali con la Grecia stanno entrando in una “nuova era positiva” dopo l’incontro con il ministro degli Esteri greco Giorgos Gerapetritis.

“Siamo in una nuova era positiva con la Grecia e abbiamo convenuto che dobbiamo trovare un nuovo approccio per risolvere il problema”, ha detto Fidan in una conferenza stampa congiunta durante la sua visita a Gerapetritis.

L’incontro precede i colloqui tra il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis e il presidente turco Recep Tayyip Erdogan a margine dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, che si svolgerà dal 19 al 23 settembre, e servirà ad affrontare le questioni future. Rapporto tra le parti.

Il ministro turco ha quindi affermato di voler “cooperare” con Atene per combattere l’organizzazione del potente religioso Fethullah Gulen, che Ankara ha accusato di aver orchestrato il tentativo di colpo di stato del 2016. Ciò aiuta anche il governo a contrastare la Grecia contro il Partito laburista del Kurdistan (PKK), che il paese considera un’organizzazione terroristica.

Il ministro degli Esteri greco, nel frattempo, ha insistito sul fatto che i colloqui si terranno “presto” per discutere le modalità per creare fiducia tra i due paesi e che svilupperà un’agenda “positiva” continuando l’accordo di Atene. ha ribadito di aver accettato di sostenere l’adesione della Turchia all’UE.

I due Ministri hanno colto l’occasione anche per menzionare l’attuale situazione in Cile, Siria e Libia in particolare, che segna un cambiamento nella politica estera dei due paesi, più volte sull’orlo del collasso. conflitto armato.

Lascia un commento