Il procuratore generale fa causa ad Amazon per presunto coinvolgimento in pratiche commerciali sleali e ingannevoli

Lo stato dell'Arizona ha intentato una causa contro Amazon, accusando il gigante online di utilizzare pratiche sleali e ingannevoli in violazione dell'Arizona Consumer Fraud Act e dell'Arizona Uniform State Antitrust Act. Il procuratore generale Kris Mayes ha fatto l'annuncio mercoledì, affermando che le azioni di Amazon hanno portato a prezzi gonfiati per i consumatori in Arizona e danni ai piccoli rivenditori terzi che dipendono dalla piattaforma.

Un aspetto della causa è incentrato sul processo di cancellazione di Amazon Prime, che si dice sia intenzionalmente confuso e fuorviante. Questa strategia, nota come Project Iliad, rende presumibilmente difficile per gli utenti annullare i propri abbonamenti presentando loro un'interfaccia complessa e manipolativa. Secondo quanto riferito, documenti interni mostrano che questa tattica ha ridotto con successo le cancellazioni Prime del 14%.

Un altro focus della causa è l'algoritmo Buy Box di Amazon, che determina quale offerta per un prodotto appare quando gli utenti fanno clic sui pulsanti “Acquista ora” o “Aggiungi al carrello”. La causa sostiene che questo algoritmo è sbilanciato verso offerte che vanno a vantaggio dei profitti di Amazon, spesso favorendo i propri prodotti o quelli dei suoi venditori rispetto ad altri non soddisfatti da Amazon.

Inoltre, la causa sostiene che Amazon applica accordi illegali sulla parità di prezzo attraverso il suo contratto di servizio aziendale, che impedisce ai venditori di terze parti di offrire prezzi inferiori al di fuori di Amazon. Si dice che questa pratica soffochi la concorrenza contro Amazon come rivenditore e fornitore di mercato, portando alla fine a prezzi gonfiati per i consumatori in Arizona.

Il procuratore generale Mayes ha sottolineato che Amazon dovrebbe essere ritenuta responsabile di queste violazioni e ha esortato la società a rispettare la legge dell’Arizona per garantire equità per i consumatori e condizioni di parità per le piccole imprese.

Lascia un commento