Il sindaco di Phoenix si oppone all'utilizzo del denaro dei contribuenti per l'arena dei Coyote

Il sindaco di Phoenix Kate Gallego ha chiarito che non è favorevole all'utilizzo dei fondi dei contribuenti per un'arena degli Arizona Coyotes o qualsiasi altra arena sportiva della città, secondo una dichiarazione del suo portavoce, Arielle Devorah. Questa affermazione arriva in risposta agli sforzi dei Coyote per acquisire un terreno nel nord-est di Phoenix per una nuova arena. Il sindaco Gallego ha recentemente avuto un incontro con il proprietario della squadra Alex Meruelo, durante il quale hanno discusso i suoi piani per partecipare ad un'asta fondiaria statale e potenzialmente sviluppare il sito nel nord di Phoenix.

La dichiarazione affronta specificamente l'intenzione di Meruelo di fare un'offerta su un terreno nel nord-est di Phoenix durante un'asta prevista per il 27 giugno. Il sito proposto si trova vicino al Desert Ridge Marketplace, all'angolo nord-ovest del Loop 101 e Scottsdale Road. In caso di successo, Meruelo prevede di costruire un'arena da 17.000 posti, una struttura per prove di 150.000 piedi quadrati, una sala per concerti, uno spazio commerciale e una piazza per feste con un grande schermo. L'intero distretto sarebbe coperto da una tettoia di 170.000 piedi quadrati.

Come condizione per la vendita della squadra, il commissario della NHL Gary Bettman ha concesso ai Coyote cinque anni per assicurarsi un terreno e costruire un'arena. Meruelo ha accettato di vendere la squadra con la consapevolezza che avrebbe potuto riattivare il franchise entro quei cinque anni se fosse stata costruita un'arena, innescando un progetto di espansione. Questo processo gli richiederebbe di rimborsare il miliardo di dollari ricevuto dalla vendita a Ryan Smith. La posizione del sindaco sull'uso dei fondi dei contribuenti per le arene sportive rimane ferma, anche se continuano le discussioni sul futuro dei Coyote a Phoenix.

Lascia un commento