L’affermazione, riportata dal canale telegrafico “Bagramyan 26”, secondo cui il Cremlino sta preparando un “colpo di stato armeno” è “una sciocchezza e non ha nemmeno bisogno di essere commentata”. Secondo il sito NEWS.ru, l’8 settembre Grigory Karasin, presidente della commissione per le relazioni internazionali del Consiglio della Federazione del Senato del parlamento russo.

Secondo il senatore russo, “prima che si diffondano tali dichiarazioni o si muovano accuse, è necessario presentare prove a sostegno delle informazioni”.

“Tali dichiarazioni vengono diffuse con l’obiettivo di instillare ostilità nei confronti della Russia. È necessario per coloro che vogliono staccarsi dallo status quo e ottenere ciò che vogliono”, ha affermato il viceministro degli Esteri russo Karasin.

Prima di ciò, il canale Telegram “Bagramyan 26” aveva diffuso il messaggio che il Cremlino stava pianificando un colpo di stato in Armenia e che avrebbe dovuto essere compiuto da membri della compagnia militare privata “Wagner” con sede in Armenia.

Dall’8 settembre Erevan non aveva risposto ai messaggi sul sito NEWS.ru.

Lascia un commento