Le più difficili sono le partite in cui i punti vengono inseriti in anticipo. Questa frase, usata da tutti gli atleti e dimostrata più volte vera nella pratica, è ancora oggi sulla bocca degli “appassionati”.

La Lettonia è diventata l’ultima squadra del girone e con 0 punti è 134esima nel ranking FIFA (la Croazia è 6a), dietro Isole Salomone, Antigua e Barbuda, Sudan, Comore, Isole Faroe, Niger, Malawi, Sierra Leone e Corea del Nord. Esiste. , Tailandia, Guatemala… il valore di mercato del mercato è di 9,43 milioni di euro, inferiore al valore di Sosa o Juranovic da soli.

Le probabilità di vincita sono 1,10, il che è perfetto affinché il tuo avversario cada nella trappola della seconda frase “Volevo vincere di più”. I lettoni hanno perso tutte e tre le partite del girone per un gol, subendo un gol al 91′ contro l’Armenia e al 95′ in casa contro la Turchia.

In questo contesto va anche notato che la Croazia di Dalic raramente ha vinto tutte le partite ufficiali in una stagione, siano esse di qualificazione o di campionato internazionale. A prescindere dalla qualità dell’avversario.

Nel novembre 2021 i “Vigili del fuoco” hanno sconfitto Malta e Russia, e nel settembre 2022 hanno sconfitto Danimarca e Austria. Vengono tutti da Dulwich. Anche se la nostra squadra ha perso punti nelle “partite a blocco” contro Galles, Slovenia, Azerbaigian e Ungheria… In totale, nella storia della squadra nazionale, la Croazia ha vinto 16 partite ufficiali in un mandato e 37 volte.

La trappola potrebbe anche essere un brutto tiro di Rujevica, che solitamente favorisce le squadre con difese di qualità inferiore. E sulle loro teste grava il peso della possibilità che la Croazia possa giocare la prossima partita a porte chiuse.

Il coro razzista “Gypsy” di alcuni tifosi al termine della Lega delle Nazioni è valso all’HNS una sospensione condizionale della pena e l’avviso che per un altro reato simile seguiranno tribune vuote. orata. La prossima partita casalinga è contro il Galles nella nuova Pampa. Dalic ha deciso di ridurre un po’ il rischio non invitando Livaya, uno “straccio rosso” per alcuni barbari, ma nel nostro paese non viene fatto alcuno sforzo per prevenire il teppismo nel calcio. Soprattutto non un club.

“Tutti i giocatori sono andati in club migliori, il che mi rende felice”, ha detto Zlatko Dalic della vorticosa transizione di Vatre. Durante quel periodo, fino a 10 giocatori si sono trasferiti da un club all’altro, e ciascun club ha pagato una cifra record di oltre 250 milioni di euro per il croato.

E anche se Livaković, Ivanušec e Štaro sono andati in campionati più forti come Olanda e Turchia, la realtà è che la Croazia ha meno giocatori nei campionati “top five” rispetto a quando era nella federazione internazionale. Brozovic ha lasciato l’Italia per l’Arabia Saudita e Sosa ha lasciato la Germania per l’Olanda, riducendo il numero da 13 a 11. Anche i giganti Bayern e Inter sono senza giocatori.

Una trappola ancora più grande è che alcuni giocatori non giocheranno per il club. Livakovic non gioca dal sorprendente pareggio dell’AEK contro la Dynamo ad Atene 20 giorni fa, mentre Sosa, che la settimana scorsa è passato da una squadra all’altra dopo aver giocato solo 44 minuti, in questa stagione ha giocato solo 45 minuti dietro Pasalic. è diventata la riserva del Real. .

La Croazia ha giocato quattro volte contro la Lettonia e ha vinto tutte e quattro le volte. Non è sempre facile e il giocatore che ha segnato il gol decisivo nelle due partite era in realtà un sostituto, un giocatore che vuole mettersi alla prova e vuole imporsi sull’allenatore in partite così, Bosco. – Balaban e Davor Vugrinec.

Chi saranno Bole e Vuga di Dalic a Rujevica?

Lascia un commento