La salute mentale degli adolescenti è danneggiata dagli smartphone e dai social media?  Gli esperti sono divisi sulla questione: scopri perché

Il 95% degli adolescenti americani ha ora accesso agli smartphone, e circa un terzo riferisce di essere sui social media quasi costantemente. Tuttavia, gli studi che hanno esaminato l’impatto di ciò sulla salute mentale complessiva degli adolescenti hanno prodotto risultati contrastanti. Un rapporto della National Academy of Sciences di dicembre ha messo in discussione la convinzione culturale prevalente secondo cui i social media sono universalmente dannosi per gli adolescenti, suggerendo che la realtà è più sfumata.

I social media possono fornire connessioni e uno spazio sicuro per i giovani, in particolare per gli adolescenti LGBTQ+. Può offrire supporto e comunità a coloro che potrebbero sentirsi emarginati nella propria vita offline. Tuttavia, ha anche il potenziale per incoraggiare comportamenti dannosi e interrompere aspetti importanti della vita adolescenziale come il sonno, l’esercizio fisico e le attività sociali di persona.

L’uso frequente dei social media può anche contribuire a un’immagine corporea negativa in alcune ragazze adolescenti. L’esposizione a standard di bellezza non realistici e ad immagini curate su piattaforme come Instagram può avere un impatto negativo sul modo in cui i giovani percepiscono se stessi. Ciò, a sua volta, può renderli più vulnerabili allo sviluppo di disturbi alimentari e altri problemi di salute mentale.

Nel complesso, l’impatto dei social media sulla salute mentale degli adolescenti è complesso e sfaccettato. Sebbene possa fornire importanti collegamenti e sostegno ad alcuni giovani, ha anche il potenziale per danneggiare il benessere fisico e mentale. È importante che genitori, educatori e politici siano consapevoli di queste sfumature e forniscano risorse e supporto agli adolescenti che si muovono nel panorama digitale.

Lascia un commento