L’uomo d’affari americano Elon Musk, proprietario del social network X, ha minacciato di citare in giudizio l’Anti-Defamation League. Afferma che X ha perso il 60% dei suoi ricavi pubblicitari a causa della campagna dell’ADL per combattere la cultura dell’odio online.

“Da quando l’ADL ha acquistato la piattaforma, ha falsamente accusato me e l’ADL di antisemitismo e ha cercato di distruggere la piattaforma. Devo sporgere denuncia. Che ironia!” Ha scritto.

Musk ha anche sottolineato che il suo impegno per la libertà di parola non significa che sia antisemita.

In risposta, Jonathan Greenblatt, presidente dell’Anti-Defamation League, ha accusato Musk di condurre una campagna antisemita pericolosa per gli ebrei di tutto il mondo. Ha sottolineato che il proprietario di X sostiene i suprematisti bianchi.

dopo la navigazione

Lascia un commento