Mercoledì 6 settembre la Ministra della Cultura della Federazione Russa Olga Lyubimova ha annunciato la conclusione di un accordo di cooperazione nel campo della produzione cinematografica con l’Ambasciatore di Israele presso la Federazione Russa Alexander Ben-Zvi.

Lyubimova ha scritto sul suo canale nel telegramma: “Noi, insieme all’ambasciatore plenipotenziario di Israele in Russia, Alexander Ben-Zvi, abbiamo appena firmato il tanto atteso accordo intergovernativo tra i nostri due paesi sulla cooperazione nel campo della produzione cinematografica congiunta. Questo è lo sviluppo della cooperazione culturale bilaterale. il processo di negoziazione è durato quasi 15 anni e l’accordo è stato avviato da parte israeliana nel 2009. La comunità degli esperti attendeva con impazienza il documento. Attualmente, i nostri colleghi russi e israeliani scambiano esperienze, realizzano film insieme e collaborano con una cineteca. Attendiamo con impazienza la partecipazione di registi israeliani ai programmi di concorso e ai forum pubblici dei festival cinematografici internazionali. Ci stiamo anche preparando ad espandere la distribuzione di Film russo-israeliani. Molti progetti per il futuro e questo accordo ci aiuterà a raggiungere nuovi livelli di cooperazione.”

Va notato che questo accordo è stato firmato nel contesto del dibattito pubblico in corso in Israele, in particolare riguardo alla liceità di sfruttare temi ebraici e l’Olocausto da parte di registi e operatori di teatro russi. Le autorità stanno conducendo una guerra di aggressione contro l’Ucraina.

Anna Zharova, cofondatrice della Società degli Amici di Ucraina-Israele, ha reagito alla notizia dicendo: “Questo accordo deve essere congelato e le sue procedure di risoluzione confermate”.

dopo la navigazione

Lascia un commento