Giovedì presso il tribunale distrettuale di Zagabria si è svolta una serie di accuse contro Petr Čošić, Manuel Vulic e altri sei imputati. L’USKOK li accusa di far parte del ramo croato della piovra della droga. Darko Saric è un uomo che una volta era stato designato dalla Drug Enforcement Administration degli Stati Uniti. Come il più grande signore della droga dei Balcani.

Čošić e altri sette membri della sua banda criminale hanno affermato che l’USKOK ha contrabbandato 600 chilogrammi di cocaina dal Sud America tra novembre 2019 e il 13 aprile 2022, oltre a liquidare il braccio destro di Saric, Milan Milovac. accusato di coinvolgimento in L’uomo ecuadoriano è stato portato in tribunale sotto una forte scorta della polizia speciale.

Ci siamo divisi in diversi camion e siamo stati inseguiti dalle forze speciali armate. Che questi agenti siano considerati estremamente pericolosi è dimostrato dal fatto che durante l’intera sessione del Consiglio della Procura erano presenti in tribunale tre forze speciali armate. Il signor Ciocic, un tempo il più ricercato in Europa fino a poco tempo fa estradato dalla Colombia, il signor Manuel Vulic, il signor Ante Vulcan, il signor Marco Karevich, il signor Dragan Kliczka, il signor Oliver Chochae, il signor Ajerko Orszlich, il signor Goran Nessuna accusa contro Vuk sono state confermate giovedì.

E’ questa dunque una delle accuse mosse dall’USKOK grazie ai dati raccolti attraverso le comunicazioni di SKY. Si trattava di una comunicazione altamente crittografata che è stata decrittografata da Europol, provocando massicce incursioni della polizia contro vari gruppi criminali in tutto il mondo.

Gli avvocati di tutto il mondo si chiedono come i ricercatori abbiano ottenuto dati pericolosi da cellulari crittografati e siano stati perseguiti per questo. Tra le altre cose, richiede che tutto ciò che viene raccolto dopo la decrittografia di SKY venga separato dai file come prova illegale.

I tribunali di tutta Europa hanno avuto un punto di vista diverso su queste richieste e per lo più le hanno respinte. Per la prima volta in Croazia all’accusa contro Čošić e altri è stata data anche la possibilità di chiedere alla corte cosa avesse raccolto la difesa tramite SKY. Hanno quindi ordinato al tribunale francese di basarsi sull’hacking dei server su cui erano archiviate le comunicazioni di SKY prima che l’accusa decidesse se ciò che era stato raccolto tramite SKY costituisse una prova legale. Ha inoltre chiesto l’accordo tra le autorità belghe, olandesi e francesi per la creazione di una squadra investigativa comune, nonché lo scambio di lettere tra le autorità investigative croate e francesi sulle comunicazioni di SKY, nonché le esenzioni per gli esperti di telecomunicazioni.

Il tribunale riceverà tutti i fascicoli investigativi relativi all’attuazione delle misure segrete contro gli imputati in Croazia, ma ha respinto le richieste di documenti provenienti dall’estero. Verrà presa una decisione sull’opportunità di ascoltare la testimonianza di esperti e la prossima accusa è prevista per il 2 novembre.

Membri mascherati della polizia speciale, armati di lunghi tubi, compaiono nell’aula del tribunale di Zrinjevac durante il processo contro gli assassini Ivo Pukanic e Niko Frangic e il processo contro lo spacciatore di cocaina Stepan Prunat, arrestato dal carcere di Rijeka. tribunale al momento Nella stessa stanza la polizia ha utilizzato anche gli elicotteri.

Lascia un commento