Il governatore regionale Olef Kipel ha dichiarato giovedì che i droni russi hanno danneggiato infrastrutture, silos di grano ed edifici amministrativi nel porto sul Danubio di Izmail a Odessa.

È una regione al confine tra Ucraina e Romania.

Esplosione a Rostov

La Russia sta intensificando i suoi attacchi alle infrastrutture di esportazione del grano dell’Ucraina nel contesto dei negoziati per il rinnovo dell’accordo sui cereali del Mar Nero, che consente esportazioni senza ostacoli dai porti ucraini.

Una persona è rimasta ferita nell’attacco, la quarta negli ultimi cinque giorni al porto principale del Danubio, ha detto Kuiper sull’app Telegram.

L’esercito ucraino ha dichiarato di aver abbattuto 25 dei 33 droni lanciati dalla Russia. La maggior parte di loro ha preso di mira la regione di Odessa, ma alcuni hanno preso di mira il nord di Sumy.

La Russia si è ritirata dall’accordo sul grano a luglio, un anno dopo la mediazione ONU-Turchia. Ha citato gli ostacoli alle esportazioni di cibo e fertilizzanti del paese e il fatto che non viene inviato abbastanza grano ucraino ai paesi bisognosi.

Segui minuto per minuto la situazione in Ucraina e Russia

Lascia un commento