MSI ha affermato che si è verificato un problema con la configurazione “firmware” dell’architettura ibrida di Intel che ha attivato il Blue Screen of Death (BSoD) che ha iniziato ad apparire dopo l’aggiornamento a Windows 11 su alcuni computer con schede madri Intel. ha dichiarato che lo era

Microsoft ha rilasciato l’aggiornamento KB5029351, Windows 11 Build 22621.2215 a metà agosto per migliorare e correggere i bug riscontrati nelle versioni precedenti del sistema operativo.

Tuttavia, questo aggiornamento ha causato ad alcuni utenti la visualizzazione della cosiddetta “Blue Screen of Death” e del messaggio errato “UNSUPPORTED_PROCESSOR” quando Windows riscontra un problema serio che si spegne o si riavvia inaspettatamente. Ha causato anche un errore sul display. ‘.

Dopo aver appreso di questo scenario, Microsoft ha iniziato a indagare sulla causa di questo errore. Anche l’MSI ha avviato un’indagine. Questo bug sembra interessare i computer con processori Intel su schede madri delle serie 600 e 700.

MSI, in collaborazione con Intel, ha determinato che i computer con processori Intel Core i9 compatibili di 13a generazione presentano questo errore. Nello specifico, le versioni del sistema operativo Microsoft installate su Windows 11 (22H2 OS Build 2221.2215 e 22H1 OS Build 22000.2360) e Windows 10 (22H2 OS Build 19045.3393).

MSI ha dichiarato in un comunicato di essere riuscita a scoprire un bug causato da un errore di configurazione nel “firmware” dell’architettura ibrida di Intel.

Per risolvere questo problema, l’azienda ha annunciato che rilascerà un nuovo BIOS alla fine di settembre che include gli aggiornamenti di uCode per le schede serie 600 e 700. Ciò eviterà la visualizzazione di ulteriori messaggi di errore nel supporto del processore e sarà disponibile per il download da placca. . Sito web.

Pertanto, viene fornita una soluzione per BSoD sui modelli di scheda madre MEG Z790 ACE, MGP Z790 CARBON WIFI, MPG Z790 EDGE WIFI, MAG Z790 TOMAHAWK WIFI, PRO Z790-A WIFI, PRO Z790-P e PRO Z690-A. Visualizzato da MSI.

Lascia un commento