Si ritiene che la ricompensa attiri altri russi a disertare in Ucraina.

Secondo la rivista, il servizio segreto militare ucraino Ukraiska Pravda ha annunciato che l’Ucraina offrirà una ricompensa di circa 500.000 euro al pilota di elicottero russo che diserta.

Si ritiene che la ricompensa attiri altri russi a disertare in Ucraina. Il servizio militare ucraino ha anche diffuso un raro video dell’incidente in cui il pilota Maxim Kuzminov-28, che ha portato un elicottero da combattimento Mi-8 in Ucraina, racconta la sua storia, promuovendo una possibile partenza.

Il pagamento delle spese è possibile in base ad una legge adottata dall’Ucraina nell’aprile 2022, in base alla quale quasi 1 milione di euro di risarcimento potrebbe essere pagato ai soldati russi che hanno disertato in Ucraina. L’importo dipende dal tipo di equipaggiamento da combattimento che porti. Per Kuzminov si trattava dell’elicottero d’attacco Mi-8.

Martedì, in una conferenza stampa, il signor Kuzminov ha spiegato come sono iniziate le cose.

Kuzminov ha detto di aver inizialmente contattato personalmente fonti ucraine. In risposta, l’Ucraina ha promesso a Kuzminov e alla sua famiglia garanzie di sicurezza, ricompense monetarie e una nuova identità. I genitori di Kuzminov accettarono il piano e furono deportati in Ucraina, dove si trovano adesso. Kuzminov aveva precedentemente prestato servizio in un reggimento di elicotteri nel Primorsky Krai, nell’Estremo Oriente russo.

Kuzminov ha affermato che la motivazione per le sue dimissioni era dovuta al fatto che non voleva essere implicato nei crimini dell’esercito russo in Ucraina, che considera un “grande paese”.

“Quello che sta accadendo qui è chiaramente un genocidio dell’Ucraina… L’Ucraina vincerà sicuramente questa guerra semplicemente perché lo Stato è così unito. Il mondo intero aiuta l’Ucraina soprattutto perché la vita umana deve essere rispettata”, ha spiegato Kuzminov a proposito delle sue motivazioni.

In un video dell’intelligence militare, Kuzminov parla anche del momento in cui ha preso la decisione definitiva di disertare.

“Ero vicino al confine e ho pensato: perché non provarlo ora che non è così lontano?[από την ελεγχόμενη περιοχή της Ουκρανίας]. Poi ho iniziato il silenzio radio e ho volato molto basso. Non capivano cosa stavo facendo.” disse Kuzminov.

Kuzminov aveva a bordo altri due soldati russi, ma non erano a conoscenza del loro piano di fuga. Quando l’elicottero è atterrato, i soldati hanno tentato di fuggire.

“Purtroppo sono scomparsi. Vorrei che fossero vivi, ma questa è la realtà”, ha detto alla CNN:n il direttore dei servizi segreti militari Kirill Budanov.

Dopo l’atterraggio dell’elicottero, Kuzminov è stato accolto dai soldati ucraini.

Per l’Ucraina, il caso Kuzminov rappresenta una grande vittoria propagandistica. Soprattutto quando Kuzminov riesce a convincere altri connazionali a disertare in Ucraina e portare con sé equipaggiamento militare.

“Mi prenderò cura di te per il resto della tua vita. Ovunque tu sia, qualunque cosa tu faccia, ti offriranno un lavoro. Vedrete tutti i colori del mondo”, ha preso in giro Kuzminov con gli altri russi.

Anche il capo dei servizi segreti militari, Budanov, è rimasto commosso dall’incidente.

“Non è mai stato fatto prima. Speriamo di poterlo ampliare su scala più ampia”, ha detto Budanov.

Lascia un commento