L’India, oggi il paese più popoloso del mondo, potrebbe prendere la decisione storica di cambiare il suo nome ufficiale in un nuovo nome, Bharat.

Bharat è un termine sanscrito (lingua ancestrale dell’India) per l’India. Secondo le storie mitologiche indù, Bharat era anche il nome di un re leggendario che governava il subcontinente indiano (corrispondente all’attuale India continentale, Pakistan, Sri Lanka, Nepal e Bhutan).

Si ritiene anche che Bharat sia una forma abbreviata di Bharat Varsha, che significa “terra dei discendenti di Bharat”.

Secondo la Costituzione indiana, Bharat è uno dei due nomi ufficiali dell’India e l’articolo 1 della Costituzione indiana afferma che il paese si chiamerà “India, o Bharat”. Tuttavia, l’uso di Bharat è più comune tra chi parla hindi e altre lingue indigene, ed è più usato in India tra l’inglese e altre lingue straniere.

Qual è il motivo del cambio di nome?

La possibile ridenominazione dell’India in Bharat è promossa dal partito al potere Bharatiya Janata Party (BJP), che sposa un’ideologia nazionalista indù.

Una fonte ha confermato all’emittente statunitense CNBC-TV18 che la risoluzione per cambiare il nome sarà probabilmente approvata da una sessione speciale del parlamento indiano alla fine di questo mese.

La mossa è vista anche come una risposta ai recenti blocchi che si oppongono al governo del primo ministro Narendra Modi, che si autodefinisce India, acronimo di Alleanza integrata per lo sviluppo nazionale dell’India.

L’alleanza è guidata dall’Indian National Congress (INC), il principale partito di opposizione di Modi.

Martedì (5/5), in una conferenza stampa, il primo ministro della capitale Nuova Delhi, Arvind Kejriwal, ha posto una domanda provocatoria ai parlamentari indiani di Bharatiya Janata, invitandoli a cambiare nome se la neonata coalizione di opposizione decidesse di farlo. COSÌ. le chiese se stava pensando di adottare un nome tradizionale hindi.

“Non ci sono informazioni ufficiali a riguardo, ma abbiamo sentito delle voci. Perché sta succedendo; Ritirerai anche questa idea? Kejriwal ha detto.

Un altro argomento utilizzato a favore del cambiamento è che il nome India è un’eredità coloniale britannica e non riflette la vera identità e cultura del paese, secondo fonti della CNBC. Inoltre, Bharat è “più inclusiva e rappresenta la diversità e l’unità di tutti i popoli e le regioni del Paese”.

I membri del Bharatiya Janata Party hanno anche affermato di ritenere che il nuovo nome rispetterebbe maggiormente “la sovranità e la dignità del Paese” nei confronti delle potenze straniere.

Le voci sul cambio di nome dell’India arrivano quando il presidente indiano del partito Bharatiya Janata Droopadi Murum ha esteso un invito a una cena per i partecipanti al vertice del G20 in India questa settimana, dove si è presentato come “Presidente”. “Bharat’s” invece del presidente indiano.

“L’intero Paese chiede che la parola ‘Bharat’ sia usata al posto di ‘India’”, ha detto martedì all’agenzia di stampa indiana ANI Harnas Singh Yadav, parlamentare del partito Bharatiya Janata, citando il partito. Paese. . La parola “India” è maledetta dagli inglesi e la parola “Bharat” è un simbolo della nostra cultura. Vorrei emendare la Costituzione e aggiungervi la parola ‘Bharat’. “

L’opposizione si oppone al cambiamento

L’idea di cambiare il nome ha incontrato la resistenza dei legislatori critici nei confronti del governo indiano.

I partiti di opposizione del BJP non sono d’accordo con il cambiamento. Sottolineano che ciò non è necessario ed è costoso poiché significa falsificare tutti i documenti ufficiali, i francobolli, le monete e persino i passaporti.

Inoltre, molti credono che il cambio di nome sia anche un’imposizione da parte del Bharatiya Janata Party of India per imporre le proprie opinioni religiose e culturali alle minoranze e alle regioni con altre identità e lingue.

Il leader dell’INC Jairam Ramesh al parlamento indiano ha accusato il primo ministro Narendra Modi di “distorcere la storia e dividere il Paese con questa iniziativa”.

Ha sostenuto l’uso sia del nome indiano che del nome Bharat come simboli di armonia e fiducia nazionale.

“Il signor Modi può continuare a distorcere la storia e a dividere l’India, lo stato di Bharat, una coalizione di nazioni.

Cosa devo fare per cambiare il mio nome?

Secondo la Costituzione indiana, il cambio di nome è soggetto all’approvazione degli emendamenti costituzionali da parte della maggioranza semplice di entrambe le Camere del Parlamento indiano.

Tale approvazione è probabile, data la maggioranza del BJP in entrambe le Camere. Richiede inoltre il consenso del presidente del paese (che è anche membro del partito Bharatiya Janata) e l’approvazione della Corte Suprema dell’India.

Se la risoluzione verrà approvata, il governo dovrà modificare la costituzione con almeno 10 articoli che reciteranno “Governo dell’India”.

Inoltre, il cambio di nome deve essere approvato dalla comunità internazionale e da organizzazioni internazionali come le Nazioni Unite (ONU).

Altri paesi che hanno apportato modifiche

La Turchia ha cambiato il suo nome inglese in Turkiye nel 2022 (prima di diventare Turchia) per una questione di identità culturale. Il cambiamento è arrivato dal presidente turco Recep Tayyip Erdogan, il quale ha affermato che la Turchia rappresenta e rappresenta meglio la cultura, la civiltà e i valori della nazione turca.

Questo recente elenco comprende anche la Macedonia del Nord (ex Macedonia), lo Swaziland (ex Swaziland) e la Repubblica Ceca (ex Repubblica Ceca). In quest’ultimo caso il nome ufficiale resta Repubblica Ceca. Il cambiamento consisteva semplicemente nell’abbreviare i nomi dei paesi quando utilizzati nei forum internazionali.

Lascia un commento