Il primo ministro Andrej Plenkovic visita la provincia di Varazdin. Il signor Plenkovic ha iniziato la sua visita da Varaždinske Toplice e ha parlato con i media.

Lui ha commentato l’incidente attorno all’appartamento del ministro della Difesa Marja Vanožić.

– L’appartamento è un appartamento governativo e non verrà restituito. Per quanto ho capito, l’unico problema è chi ha firmato la decisione. Quindi si tratta più di una questione tecnica e come ministro non di Zagabria ha il diritto di affittare un appartamento. Penso che sia troppo, il ministro deve vivere da qualche parte. Pagherà la multa, ha detto Plenkovic.

Plenkovic ha anche detto che ci sono questioni più importanti da discutere dell’appartamento di Vanozic.

– Domande attese sulla riforma fiscale e quanto aiuterà a mantenere gli standard economici del paese. Quando esco ci lodano per Schengen o per l’Euro… queste sono le cose importanti, ma queste servono per divertirci. I ministri possono avere appartamenti? Lasciamo che scrivano una nuova soluzione e noi chiederemo a Vacic di firmarla, ha aggiunto Plenkovic e infine.

I giornalisti gli hanno poi chiesto informazioni sulle possibili date delle elezioni e lui ha chiesto ai giornalisti se si annoiassero.

– Non ho detto che la campagna inizierà. Continueremo quando avremo creato un coordinatore ed entrerà in vigore la legge sulle unità elettorali, ha detto Plenkovic.

Hanno chiesto anche di Fulani Barbaric.

– Pensateci, stiamo sviluppando pacchetti per l’elettricità e il gas naturale. I cittadini avevano accesso a un’energia elettrica sei volte più economica. Se c’era una cosa positiva, erano i bassi prezzi dell’energia. Dei mille eventi gloriosi, ha detto Plenkovic, si tratta di quelli che nascondono il fatto che abbiamo vissuto la crisi come se non esistesse.

Ha anche commentato la possibilità di aumentare l’imposta sul reddito a livello locale.

– L’obiettivo è aumentare i salari e nove modifiche alla legge faciliteranno gli aumenti salariali. Quando divenni primo ministro, i governatori dell’epoca ci chiamarono a lavorare sul decentramento delle operazioni e delle finanze. Abbiamo compiuto progressi molto importanti e sostanziali. Raggiungere questo obiettivo in un periodo di crisi ha dato alle città e ai governi locali più potere e maggiori redditi. Se hai una contea con un aumento del reddito dell’80% rispetto a cinque anni fa, sarà in grado di realizzare più progetti. In questa parte della riforma fiscale che responsabilizza sindaci e assessori, abbiamo dato loro una possibilità, ha detto Plenkovic.

Hanno anche chiesto se fossero soddisfatti del loro lavoro alla CNB.

– Abbiamo una politica monetaria e la fa la BCE. Un’altra variazione è la politica fiscale, l’imposta aggiuntiva dello scorso anno. Una terza, che limita il prezzo di una serie di prodotti, è la variante meno popolare. E’ il momento della responsabilità di tutti, ha concluso Plenkovic.

Lascia un commento