Uno studio internazionale condotto dall’Università di Granada (UGR) ha dimostrato scientificamente per la prima volta quanti passi è necessario compiere ogni giorno per ridurre significativamente il rischio di morte prematura. Sono 8.000 passi al giorno. Considerando la lunghezza media del passo umano (76 cm per gli uomini e 67 cm per le donne), 8.000 passi equivalgono a percorrere circa 6,4 chilometri al giorno.

Inoltre, i ricercatori hanno dimostrato che la lunghezza del passo presenta ulteriori vantaggi, poiché camminare più velocemente è migliore di camminare più lentamente. Se consideriamo il rischio di morte per malattie cardiovascolari, la maggior parte dei benefici si aggirerebbe intorno ai 7.000 passi.

Lo studio, pubblicato sul Journal of American College of Cardiology, è il primo a suggerire un numero ottimale di passi che fornisce i maggiori benefici per la maggior parte delle persone e mostra che il ritmo dei passi può anche fornire benefici aggiuntivi. vantaggio.

“Tradizionalmente, molte persone credevano che fosse necessario fare circa 10.000 passi al giorno per ottenere benefici per la salute. Si tratta di un’idea nata in Giappone negli anni ’60, ma le prove scientifiche dimostrano che non esisteva”, spiega l’autore principale del libro. . , Francisco B. Ortega Professore UGR, Dipartimento di Educazione Fisica ed Educazione Sportiva.

Pertanto, il primo contapassi venduto al grande pubblico fu letteralmente chiamato “contapassi da 10.000”, ma non esisteva alcuna base scientifica per questo numero. “Abbiamo dimostrato per la prima volta che più passi si fanno, meglio è, e che nessun numero eccessivo di passi è dannoso per la salute”, ha detto Ortega, aggiungendo che raggiungere dai 7.000 ai 9.000 passi al giorno è salutare. L’obiettivo per la maggior parte delle persone è enfatizzare le cose buone.

Gli scienziati hanno condotto una revisione sistematica della letteratura e dei dati di meta-analisi di 12 studi internazionali che hanno coinvolto più di 110.000 partecipanti.

I risultati sono coerenti con altri studi recenti che hanno dimostrato che i benefici per la salute aumentano dopo meno di 10.000 passi. “Ciò che rende unico il nostro studio è che per la prima volta abbiamo fissato obiettivi chiari”, ha affermato Esme Bakker, ricercatrice post-dottorato Marie Curie presso l’Università di Granada e un’altra autrice principale dello studio. Spiegherò.

Inoltre, non importa come conti i tuoi passi, se utilizzi uno smartwatch, un tracker di attività da polso o uno smartphone in tasca.

“Questo studio ha dimostrato che anche piccoli aumenti nel numero di passi compiuti al giorno possono avere benefici misurabili e che per le persone con bassi livelli di attività fisica, ogni 500 passi aggiuntivi migliora la loro salute. Questa è una buona notizia: non tutti riescono a camminare vicino a 9.000 passi al giorno, almeno all’inizio, quindi puoi fare progressi fissando piccoli obiettivi raggiungibili e aumentando gradualmente il numero di passi giornalieri”, sottolineano i ricercatori.

Questo studio non ha rivelato differenze tra uomini e donne. Un’altra scoperta è che camminare più velocemente era associato anche a un ridotto rischio di morte, indipendentemente dal numero totale di passi effettuati al giorno. “E non importa come conti i tuoi passi, se indossi uno smartwatch, un tracker di attività da polso o uno smartphone in tasca, l’obiettivo dei passi è lo stesso”, ha osservato Bakker. Masu.

Quindi, dovresti smettere di camminare dopo circa 9.000 passi? “Assolutamente no”, insiste Francisco B. Ortega. “Aumentare i passi non è affatto una cosa negativa. Il nostro studio ha dimostrato che non c’è pericolo nel raggiungere 16.000 passi al giorno. Al contrario, camminando da 7.000 a 9.000 passi al giorno. Sebbene vi siano ulteriori vantaggi rispetto a , la differenza nella riduzione del rischio è già piccola. Inoltre, gli obiettivi dei passi dovrebbero essere specifici per l’età. I più giovani possono mirare a obiettivi più ambiziosi rispetto agli anziani. È anche importante notare che il nostro studio ha esaminato solo l’impatto sulla mortalità per tutte le cause e sul rischio di malattie cardiovascolari. Esistono altri studi e molte prove scientifiche disponibili che dimostrano che è associato a una serie di benefici per la salute, incluso il miglioramento della salute mentale.

Le raccomandazioni (internazionali) sull’attività fisica raccomandano che gli adulti facciano da 150 a 300 minuti di esercizio fisico di moderata intensità a settimana.

“Il nostro studio fornisce alle persone obiettivi chiari e facilmente misurabili”, continua la ricercatrice Esme Bakker. Le Raccomandazioni (internazionali) sull’attività fisica raccomandano che gli adulti facciano da 150 a 300 minuti di esercizio fisico di moderata intensità a settimana. Tuttavia, la maggior parte delle persone non sa quali esercizi siano considerati di intensità moderata, il che rende difficile garantire il rispetto delle regole degli esercizi. Contare i passi è molto più semplice, soprattutto perché oggigiorno la maggior parte delle persone possiede smartphone e smartwatch. Qui sta l’importanza di questo studio, che fornisce alle persone obiettivi semplici e specifici per il numero di passi che possono compiere ogni giorno. Può essere facilmente misurato tramite telefono cellulare o smartwatch/braccialetto ed è quindi proporzionale allo stato di salute della popolazione», concludono gli autori.

Lo studio è stato condotto in collaborazione con ricercatori provenienti dai Paesi Bassi (Radboud University Medical Center), dalla Spagna (Università di Granada e Università di Castilla-La Mancha) e dagli Stati Uniti (Iowa State University).

Lascia un commento