ReedPop, responsabile di eventi come il Comic-Con, non sarà più l’organizzatore della convention Electronic Entertainment Expo (E3), e anche la Entertainment Software Association (ESA) ha annunciato che intende reinventarsi. Come sarà questo evento nel 2025?

Il ritorno era previsto nell’estate del 2023, ma la famosa conferenza sui videogiochi è stata in disgrazia nell’ultimo anno. Alcune delle aziende più influenti coinvolte nell’E3, tra cui Nintendo, Ubisoft e Microsoft, proprietaria di Xbox, hanno deciso di non partecipare quest’anno.

Di conseguenza, l’ESA ha annunciato a marzo la cancellazione dell’edizione 2023 dell’E3, affermando di non essere riuscita a “ottenere il necessario interesse duraturo” per “dimostrare le dimensioni, la forza e l’influenza del settore”. Nonostante la situazione, Leadpop ha promesso in un comunicato che lavorerà con l’ESA per organizzare più eventi dell’E3.

Questa volta LeadPop ha annunciato che, nonostante avesse firmato un accordo pluriennale per essere la società ospitante dell’E3, gli sforzi compiuti per riavviare il progetto sono stati infruttuosi e quindi le due società hanno deciso di porre fine alla loro partnership. “Decisione reciproca”.

Ciò è stato dettagliato nei media di proprietà di ReedPop GamesIndustry.biz, che riassume ciò che ha da dire Kyle Marsden-Kish, responsabile degli eventi di gioco presso ReedPop. Ha detto che la società si è “divertita” a lavorare con l’ESA, il che sottolinea il suo “impegno verso l’industria dei giochi”.

Di conseguenza, ha annunciato che non ospiterà il prossimo E3. “Anche se non saremo coinvolti nel futuro dell’E3, attendiamo con impazienza la sua evoluzione e la direzione che prenderà l’ESA.”

Il presidente e CEO dell’ESA Stanley Pierre-Louis ha espresso la sua “gratitudine” per la partnership tra ReedPop e ESA “negli ultimi 14 mesi”, sostenendo anche “l’industria e i nostri fan attraverso una varietà di attività”. “Continui sforzi per unificare.” Evento”.

Ridisegnato per l’E3 2025

In linea con questa politica, il presidente dell’ESA ha affermato che continueranno a cercare modi per migliorare l’evento per “servire meglio l’industria dei videogiochi”. “Siamo pienamente impegnati nel nostro ruolo di conventori del settore e non vediamo l’ora di condividere notizie sull’E3 nei prossimi mesi”, ha aggiunto.

Secondo GamesIndustry.biz, l’ESA sta pianificando di reinventare l’E3 cambiando il formato dell’evento, con l’obiettivo di coinvolgere nuovamente i giocatori e le principali società di videogiochi. In particolare, l’ESA sta già pianificando un nuovo E3 per il 2025.

Nel frattempo, l’organizzazione ha anche informato il Los Angeles Convention Center (USA), dove abitualmente si tiene la convention, che non utilizzerà più la sede per il prossimo E3 nel 2024.

Va notato che l’ESA non ha comunicato che intende annullare i piani per celebrare l’evento annuale nel 2024, altrimenti è stato stabilito che non si terrà in questo luogo in questo momento.

Lascia un commento