Nella zona di 100.000 ettari colpita dalla peste suina africana sono vietate la raccolta e le escursioni di bacche e funghi.

La Svezia sta attualmente cercando cinghiali morti nelle aree in cui è stata rilevata la peste suina africana. I cinghiali trovati nella zona intorno a Fagersta, nella Svezia centrale, verranno campionati e le carcasse verranno poi bruciate con attrezzature speciali portate sul posto.

Il laboratorio veterinario statale afferma che la mappatura dell’area richiederà settimane e forse mesi. La migliore veterinaria Lena Hellqvist Bjornerotin I cacciatori locali sono addestrati a trovare cinghiali morti.

Per ora agli abitanti dei circa 100.000 ettari di aree contaminate è vietato cacciare, raccogliere bacche e funghi e compiere altri spostamenti all’interno della foresta. All’interno del bacino sono presenti quattro aree di accumulo.

Lo ha detto il ministro dell’Agricoltura Peter Kulgrenin

Sebbene la peste suina africana non sia contagiosa per l’uomo o altri animali, questa malattia virale è solitamente fatale per cinghiali e maiali. Il caso confermato questa settimana è il primo in Svezia. L’arrivo della malattia in Svezia potrebbe avere un impatto significativo sulla produzione suina del paese.

La peste suina africana non si è ancora diffusa in Finlandia, ma la malattia è apparsa anche in Russia ed Estonia. Finora non è noto come la malattia si sia diffusa in Svezia.

dopo la navigazione

Lascia un commento