Giovedì il Cremlino ha avvertito che il piano statunitense di inviare fondi sequestrati a uomini d’affari russi imposto all’Ucraina è illegale e che gli Stati Uniti saranno ritenuti responsabili delle conseguenze della loro decisione di inviare munizioni all’uranio impoverito all’Ucraina.

Esplosione a Rostov

Il segretario di Stato americano Anthony Brinken ha detto mercoledì a Kiev che il governo americano sta spostando 5,4 milioni di dollari in “beni sequestrati dall’oligarchia russa” in Ucraina, dove saranno utilizzati per aiutare i veterani ucraini.

Il portavoce di Putin, Dmitry Peskov, ha detto ai giornalisti: “È difficile da immaginare e viola il diritto internazionale e tutte le leggi nazionali di questi paesi. Eserciteremo i nostri diritti non appena ne avremo l’opportunità. Proteggi”, ha detto.

Peskov ha detto che alcuni uomini d’affari russi hanno già preso decisioni giudiziarie che rendono illegali tali trasferimenti nei paesi europei.

“Un caso di detenzione illegale come questo non passa inosservato”, ha detto.

Il Cremlino ha anche avvertito che gli Stati Uniti dovrebbero assumersi la responsabilità delle conseguenze “molto tristi” della loro decisione di fornire all’Ucraina munizioni all’uranio impoverito.

L’ingestione o l’inalazione di grandi quantità di uranio, anche di uranio impoverito, è pericoloso perché danneggia la funzionalità renale e aumenta il rischio di alcuni tipi di cancro.

Gli oppositori delle armi, come le Nazioni Unite per la proibizione delle armi all’uranio, mettono in guardia dai pericoli dell’inquinamento nocivo delle polveri, delle falde acquifere e del suolo derivanti dall’uso di tali armi.

Paesi come gli Stati Uniti e la Gran Bretagna sostengono che l’uranio impoverito sia un buon modo per distruggere i carri armati moderni a causa della sua alta densità e capacità di penetrare le armature.

Il Regno Unito afferma nelle sue linee guida che è difficile inalare una quantità di polvere di uranio impoverito sufficiente a causare effetti negativi.

Segui minuto per minuto la situazione in Ucraina e Russia

Lascia un commento