Toshiba prevede di ridurre la forza lavoro fino a 4.000 posti di lavoro in Giappone

Toshiba ha annunciato l'intenzione di tagliare fino a 4.000 posti di lavoro in Giappone come parte della propria strategia di ripresa e crescita. La decisione, seppur difficile, è stata ritenuta necessaria dal management aziendale. Il piano dovrebbe essere implementato alla fine di novembre, con la possibilità per i dipendenti over 50 di iscriversi a un programma di partenza anticipata. In Giappone, i licenziamenti di massa sono rari, quindi spesso vengono utilizzate partenze anticipate o volontarie.

L’anno scorso, Toshiba ha dovuto affrontare sfide, tra cui un significativo scandalo contabile, che ha portato la società ad essere rilevata da un consorzio di società giapponesi guidate dal fondo Japan Industrial Partners. I nuovi proprietari sono concentrati sul rilancio del gruppo e sul dare nuova vita a Toshiba.

La decisione di ridurre i posti di lavoro riflette gli sforzi continui di Toshiba per semplificare le operazioni e posizionare l'azienda per la crescita futura. Sebbene si tratti di una decisione impegnativa, è vista come un passo necessario per garantire la redditività a lungo termine di Toshiba nel settore tecnologico competitivo.

Lascia un commento