Il presidente sudcoreano Yoon Seok-yeol ha affermato giovedì che qualsiasi tentativo di modificare lo status quo nel Mar Cinese Meridionale è inaccettabile e ha chiesto l’istituzione di un ordine marittimo basato su regole, ha affermato l’ufficio presidenziale.

Yun ha parlato al vertice dell’Asia orientale con i paesi dell’ASEAN, la Cina, gli Stati Uniti, ecc. tenutosi a Giakarta, capitale dell’Indonesia.

“(Il signor Yoon) ha sottolineato la necessità di stabilire un ordine marittimo basato su regole nel Mar Cinese Meridionale, che è un’importante rotta marittima nella regione”, ha affermato il suo ufficio.

Yun ha anche affermato che il programma nucleare della Corea del Nord rappresenta una minaccia reale e potenziale per tutti i Paesi partecipanti al vertice, sottolineando la “pesante responsabilità” dei membri permanenti del Consiglio di sicurezza dell’Onu.

Le osservazioni sono arrivate in concomitanza con le notizie secondo cui il leader nordcoreano Kim Jong Un visiterà la Russia questo mese per incontrare il presidente Vladimir Putin e discutere della fornitura di armi a Mosca.

Gli Stati Uniti hanno affermato che pagheranno la Corea del Nord per fornire alla Russia le armi che sta utilizzando in Ucraina. La Corea del Sud ha affermato che gli stati membri delle Nazioni Unite non dovrebbero violare le sanzioni, compreso il commercio di armi.

Lascia un commento