Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskiy ha dichiarato venerdì che gli alleati del suo Paese hanno allentato le sanzioni contro la Russia e ha chiesto nuovi sforzi per imporre ulteriori misure punitive alla Russia.

Ha riconosciuto che la Russia sta rallentando la controffensiva dell’Ucraina, ha criticato la “lentezza” delle consegne di armi occidentali e ha chiesto la consegna di armi a lungo raggio a Kiev e nuove sanzioni contro la Russia.

Il presidente ucraino ha inoltre sottolineato che sono arrivati ​​tempi sfavorevoli per l’Ucraina e che la Russia conta sulla vittoria repubblicana alle elezioni presidenziali del 2024 per indebolire il sostegno degli Stati Uniti a Kiev.

“A questo punto, abbiamo visto troppo silenzio da parte dei nostri partner sulle sanzioni per troppo tempo”, ha detto stasera in un discorso videoregistrato.

– e la Russia è molto attiva nel tentativo di eludere le sanzioni.

Zelenskyj ha affermato che la pressione sulla Russia dovrebbe concentrarsi sull’accesso ai settori energetico, microelettronico e finanziario del paese.

“Abbiamo tre priorità: ulteriori sanzioni sul settore energetico russo, restrizioni efficaci sulla fornitura di chip e microelettronica ai terroristi e il blocco continuo del settore finanziario russo”, ha affermato.

– L’assalto globale alle sanzioni deve continuare.

Il portavoce del ministero degli Esteri Oleg Nikolenko ha detto in precedenza che l’Ucraina ha respinto la proposta di allentare le sanzioni contro la Russia come parte degli sforzi per rinnovare l’accordo sostenuto dalle Nazioni Unite sulle spedizioni di grano verso il Mar Nero.

“Allentare parte del regime di sanzioni contro la Russia in cambio del rinnovo dell’accordo sui cereali sarebbe una vittoria per il ricatto alimentare russo e porterebbe ad una nuova ondata di minacce contro Mosca”, ha detto Nikolenko. Ho scritto su Facebook.

Lascia un commento